outliers

outliers

Nel libro "Outliers" si fa notare come alcuni periodi storici abbiano effettivamente portato a un grande numero di storie del tipo "dalle stalle alle stelle", e che a veder bene erano tutti periodi di crescita demografica successiva a un periodo di restringimento demografico (guerre, carestie, ecc.)


La generazione di chi era bambino durante la seconda guerra mondiale ha avuto l'opportunità quindi di surfare la ricostruzione, mentre intanto il baby-boom post-bellico creava la necessità di fornire servizi alla gran massa di nuovi arrivati.

Quindi questa generazione si è iscritto all'università quando c'era un rapporto professori/studenti molto basso (quindi qualità alta), ed e' stato reclutata come professore quando invece il numero di studenti esplodeva ed occorreva urgentemente reclutare chi gli facesse lezioni.

Contrarre collettivamente debiti che la prossima generazione avrebbe pagato aveva perfettamente senso, dato che la generazione successiva era appunto molto piu' larga.

Quindi quella generazione non è che sia stata cattiva, ha solo fatto la cosa migliore per sé, e non si è posta problemi etici perchè non aveva previsto che il sistema di riferimento in cui cresceva fosse un'anomalia storica.

Malcom Gladwell, Outliers: The Story of Success

RSS