manualetto film arthouse

manualetto film arthouse

Cosa fa a regia di un film art house (diciamo dai Dardenne in su)?

• Inquadrature *sporche*

• Tempi dilatati = durata media delle inquadrature alta (ben al di là del tempo di lettura dell’immagine)

• Pochi dialoghi (e raramente memorabili/citabili – perché deve restare impressa *l’immagine*)

• Poca musica, meglio se in presa diretta

Questi sono dei cliché – che non è una parolaccia, ma vuol dire che se non s’intravede nessuno di questi elementi si fatica a considerarlo un film da “festival”/”arthouse”. Questo bisogno di “sottrazione” e “disarmonia” si regge su due o tre coppie oppositive: Pieno vs Vuoto; Veloce vs Lento (i media ci riempiono di immagini, il cinema le scarnifica; i media sono veloci, il cinema d’autore oppone la lentezza o  la *decrescita felice* di  Rohrwacher).

Al fondo, c’è l’idea che la contemplazione si associ al *pensiero* e la velocità (per dire, la playstation) al rincoglionimento.

Andrea Minuz

RSS