La lista delle 50 cose che ci sono in Youth di Sorrentino

La lista delle 50 cose che ci sono in Youth di Sorrentino
  1. Hitler.
  2. Hitler che spiega che l'unica cosa che ci fa andare avanti è il desiderio, come spiegato nel libro La Verità di Visiogeist, solo che nel libro è spiegato meglio.
  3. Maradona obeso che palleggia con le palline da tennis.
  4. Il tizio che si suicida buttandosi dal balcone senza dire ciaone.
  5. Il guru che fa il miracolo.
  6. Gli artisti che gli manca l'ispirazione.
  7. Il rifacimento in ordine cronologico dei film di Fellini: La Grande Bellezza era la Dolce Vita, Youth è 8 e 1/2 (Michael Caine fa la parte di Mastroianni vecchio, occhiali compresi), il prossimo sarà Giulietta degli spiriti.
  8. Madalina Ghenea più nuda che nei Soliti Idioti.
  9. La locandina sembra quella delle commedie sexy ann'80, con Harvey Keitel che fa Alvaro Vitali, Michael Caine che fa Mario Carotenuto e la Ghenea che fa la Fenech.
  10. La Svizzera verde.
  11. L'albergo della Montagna Incantata.
  12. L'albergo che poi uno è orgoglione di farci la rece su tripadvisor per dire agli altri "hai visto dove vado io"
  13. La stroncatura di Fofi che dice che il film non è postmoderno ma kitsch (ma che a suo tempo aveva stroncato anche 8 e 1/2).
  14. La tizia con l'apparecchio con i denti (e Christian Raimo che ha scritto su Facebook che era una citazione di Yara Gambirasio si è preso un sacco di nomi).
  15. Jane Fonda che dice le parolacce.
  16. I figli mantenuti dai genitori.
  17. I vecchi che dicono sentenziosi che la vecchiaia è una merda.
  18. I vecchi che dicono che il passato è lontanissimo, il futuro è l'unica cosa che rimane ma loro non ce l'hanno.
  19. La SPA per far vedere le donne nude grasse e vecchie, le prostitute per far vedere le donne giovani brutte.
  20. I vecchi che scopano, i vecchi con i cazzi flosci.
  21. I tic tipo far esplodere il pluriball o stropicciare la carta delle caramelle.
  22. La Regina d'Inghilterra farlocca ripresa da lontano.
  23. La musica a cappella fatta bene.
  24. La scena della tizia che balla da sola.
  25. L'Italia da cartolina.
  26. Il tizio che alla fine della vita capisce che non ci ha capito niente.
  27. La moglie con l'alzheimer.
  28. Il bambino che suona male il violino.
  29. L'elogio del nulla.
  30. L'elogio delle emozioni.
  31. L'elogio del non sentirsi all'altezza, che se tutti non si sentono all'altezza allora siamo tutti all'altezza.
  32. Il tizio che dice che le emozioni non esistono.
  33. La bambina che dice la grande verità.
  34. Il vecchio che si vanta con la figlia che ai suoi tempi scopava come un drago.
  35. La figlia con la crisi di mezzaetà.
  36. Il fake per prendere in giro i videoclip.
  37. La scena con il mangiafuoco (la lobby dei mangiafuoco è potentissima nel cinema italiano, anche Garrone si è dovuto adattare).
  38. Il direttore d'orchestra.
  39. Il tizio che fa Sean Penn in this must be the place (e anche Hitler, tiè).
  40. Il soprano coreano.
  41. Il sogno rivelatore.
  42. L'albergo che serve la minestra a cena.
  43. Gli animali totemici.
  44. Le passeggiate nei corridoi dell'albergo.
  45. I tizi con le carrozzelle che si scontrano sul pianerottolo.
  46. Toni Servillo, qui interpretato da Michael Caine.
  47. L'attore che vorrebbe essere intellettuale ma tutti se lo ricordano per la parte commerciale.
  48. La fine della vacanza.
  49. La poesia a tutti i costi che non è mai poetica.
  50. La gente che esce dal film e dice bello e dentro di sé pensa boh

To Be Continued: La recensione della Grande Bellezza

RSS