giudizi universali

giudizi universali

 il brasile, con tutta la buona volontà, è uno schifo. sono buoni solo a spararsi per strada. la sicilia, a parte palermo, è molto meglio.  il nuovo ristorante di berton è pretenzioso e troppo caro, a parte i camerieri che sono gentilissimi e simpatici, si vede che altrimenti li mena come faceva già al trussardi. in tutto il salone del mobile non c'era un'idea nuova, a parte forse il divano di jean nouvel, e puoi capire. allora uno si riduce ad andare a vedere il barocco brianzolo. ma comunque si deve fare perché qualcosa si deve fare. però la trasmissione di bonito oliva che ha sostituito daverio è molto meglio, a parte il finale con la sigla di jarabe de palo che canta "bonito, bonito". jarabe de palo una volta ha fatto una canzone con jovanotti per sfondare in italia, meno male che non ha sfondato. adesso jovanotti endorsa aldo nove per farlo sfondare, che ha scritto un libro su san francesco, e jovanotti ha detto che il libro è tipo siddharta di hesse e ha scritto le h al posto sbagliato . proprio vero che si nasce incediari e si finisce pompinari. che poi la gente tende a perpetrare sé stessa, tipo morgan tutto fatto che alle 4 di notte va in skate x monza e chiede ai tizi in macchina di attaccarsi per farsi lo slancio mentre si selfa con l'iphone.

 

la gente tende a perpetrare sé stessa perché è la cosa meno faticosa da fare. bisognerebbe ogni 10 anni avere qualcosa di diverso da fare, ma si ha paura anche a trovarlo. tipo alan friedman, da ennemila anni che è in italia, non è ancora riuscito a iscriversi a un corso di italiano per stranieri? il suo libro puoi comprarlo solo se non sai chi l'ha scritto. o un film di wes anderson ormai dovresti andarlo a vedere solo se non ne hai mai visto uno prima, con le immagini simmetriche leccatissime tutte uguali, bill murray che cammina che fa le facce e la musica in sottofondo...bisognerebbe fare un film su wes anderson sul set che si vergogna di quello che sta facendo e decide di fare un film con un senso,così si accorge che non è capace a farli e fallisce miseramente va in crisi perde tutti i soldi e finisce in una casa da solo abbandonato con i ricordi come in un film di woody allen quando ancora i film li sapeva fare. ormai i film di woody allen e di wes anderson sono come i gelati di grom, preconfezionati e industriali. però è anche vero che la gente vuole certezze, qualcosa che non blocchi la digestione dopo il trittico di antipasti, il primo, una bottiglia di vino in due  e forse dopo chissà l'amore.

che poi anche dubai più che un posto da nababbi mi sembra un posto da babbi.

RSS